La manutenzione del tappeto

Per farsì che il vostro tappeto abbia una vita lunga è consigliabile applicare alcune regole:

Prestare attenzione a non tenere il tappeto in luoghi troppo piccoli e bui, e di evitare i luoghi eccessivamente umidi.

Non usare un tappeto sotto mobili molto pesanti, se fosse proprio necessario, si consiglia di appoggiare le gambe dei mobili su supporti di plastica studiati per distribuire meglio il peso.

Il vello del tappeto è costituito da fili di lana che emergono dai nodi, con il tempo, il calpestio e la polvere, i fili finiscono con l'appiattirsi sul tappeto e il vello non mantiene più lo spessore originale.

In queste condizioni il tappeto è soggetto a un'usura maggiore perché il pelo non ha più la possibilità di risollevarsi, Quindi, consigliamo, ogni quattro - cinque anni, una pulizia completa per permettere al vello di gonfiarsi di nuovo.
spaziatore

La pulizia

Mantenete il tappeto sempre accuratamente pulito, perché lo sporco assottiglia e logora il tessuto.

Per conservare il tappeto in modo ottimale pulire giornalmente con una scopa molto morbida, preferibilmente in saggina e ogni settimana, utilizzando un aspirapolvere non troppo potente, facendo attenzione a non rovinare le frange, passate l'apparecchio anche sul retro.

Evitare l'uso di battipanni e battitappeti elettrici; perché rompono le fibre della lana, compromettendo la durata del tappeto.
spaziatore

Il lavaggio

Il lavaggio non solo è un fatto igienico, ma ha importanza anche per la conservazione delle fibre naturali che riacquistano morbidezza, vivacità nei colori e lucentezza.

In passato i tappeti venivano lavati raramente e, al fine di mantenerli puliti, si usava frizionarli in superficie con acqua e aceto o ammoniaca.

Purtroppo lo smog e gli elementi chimici presenti nell'atmosfera si depositano sul vello e insieme alla polvere, formano una patina di grasso; con il tempo questa patina s'indurisce e provoca l'irrigidimento delle fibre con il loro conseguente sgretolamento.

Perciò occorre ricorrere a detergenti efficaci e delicati. Ogni quattro - cinque anni portare il tappeto al lavaggio, soprattutto se è di grande valore, presso una ditta specializzata, perché questa è un'operazione molto delicata che, se non ben eseguita, potrebbe rovinare irrimediabilmente il manufatto.

Se il tappeto ha un valore che non giustifica la spesa di un lavaggio presso una ditta specializzata, potete provvedere voi stessi. Prima di eseguire questa 'operazione si consiglia di collaudare la resistenza al lavaggio di ogni colore eseguendo una prova molto semplice: inumidite leggermente un batuffolo di cotone bianco e strofinatelo delicatamente in ogni zona di colore, Se il colore non stinge il batuffolo di cotone, allora si può lavare il tappeto facendo attenzione a non usare mai alcun detersivo.

Se anche un solo colore stinge, è necessario rivolgersi a uno specialista.

La stessa prova si può essere fare inumidendo una piccola parte del tappeto e strofinandovi sopra un pezzo di carta assorbente pulita per verificare che non vi rimangano tracce di colore.

I tappeti di piccola misura possono essere lavati nella vasca da bagno con acqua tiepida, Un tappeto di grandi misure invece può essere lavato all'aperto, preferibilmente in un periodo caldo e soleggiato dell'anno, e steso sopra un foglio di politene.

Appena spruzzata l'acqua, strofinatelo delicatamente con una spazzola di setola morbida, e risciacquarlo accuratamente e lasciarlo asciugare. 

Le macchie

Nel caso di una macchia procurata versando accidentalmente qualche sostanza, è necessario intervenire immediatamente tamponando la zona con un batuffolo di cotone secco e assorbente: si consiglia anche di inserire un foglio di giornale sotto il tappeto per proteggere il pavimento nel caso che un colore dovesse stingere.

Quindi pulire la macchia con il sapone di Marsiglia, sciacquare e fare asciugare il più rapidamente possibile, facendo attenzione ad aerare il tappeto sollevando le parti bagnate.

Non impiegare mai smacchiatori se non certi della qualità dei coloranti utilizzati nella realizzazione del tappeto.
spaziatore

Le tarme

Le tarme, oltre ad essere difficili da scoprire, provocano anche gravi danni. Vivono e si riproducono in ambienti poco illuminati, e sono divoratrici di lana. Normalmente sostano nel vello e depongono milioni di uova nel giro di poche settimane.

A volte mangiano la lana all'altezza del nodo, per cui il tappeto, anche se appare integro, perde la lana quando è aspirato.
In questi casi occorre irrorare il tappeto con disinfestanti particolari e rinchiuderlo in contenitori a tenuta ermetica per almeno un mese.
Dopo un lavaggio energico, si può procedere al restauro.

Un'astuzia per evitare il flagello delle tarme è di mettere nella stanza un vaso contenente delle piume: le tarme tralasceranno certamente il tappeto per deporre le loro uova sulle piume.
 
While, guys used to maintain pocket watches. The traditional design of replica watches sale timepieces that we see and wear today were brought by Louis Cartier. Examples of such replica watches include "gondola" created by Patek Philippe and "Tank" released by Louis Cartier. Amongst the numerous names in the breitling replica sale market was one of Audemars Piguet and Vacheron Constanin. These rolex replica sale were capable to keep track of lunar phases, months and days. But there is no need for you to lower your sight, as there is a more than feasible solution to this conundrum. fake watches are the best alternative for those who do not have filled pockets, but still wish to look elegant and extravagant. People not used to wearing fake rolex sale may raise some eye brows, but after setting their eyes on one of these fine pieces, they will certainly join a vast majority which prefers designer replica watches to original and expensive ones.